Vaquera e la collezione ispirata a The Handmaid’s Tale sfila sotto l’Occhio di tutti

© Sasha Arutyunova

Vaquera, marchio indipendente newyorkese gestito da 4 amici, un paio di settimane fa ha portato in passerella una collezione ispirata alla serie tv The Handmaid’s Tale per esplorare il rapporto tra la femminilità e l’abbigliamento. I vestiti possono opprimere ed emarginare la donna, perché così vogliono la moda e la cultura, ma non possono annullarne la personalità. Proprio come accade alle ancelle dagli abiti castigatissimi della Repubblica di Gilead che occultano e tentano di uniformare invano le individualità.

Vaquera e la moda per le persone “strane”

Vaquera con la collezione ispirata alla serie tv The Handmaid’s Tale ha creato un insieme di pezzi d’arte. Gli abiti, condivisi in anteprima su Instagram, non sono in vendita e la sfilata ha messo sotto l’Occhio di tutti il potere di un abito estremamente coprente o impalpabile che va oltre il tessuto e il disegno. L’abito raggiunge un livello superiore di valorizzazione della figura femminile perché si arricchisce della personalità di chi lo indossa. Così come le ancelle della serie tv The Handmaid’s Tale, anche le donne che si incontrano per strada sono talvolta invitate ad uniformarsi. Peccato che qualsiasi cosa si mettano parli per loro, specie se si sentono oppresse, emarginate o “strane”.

All images © Michael Hauptman

Vaquera: marchio passionario

I 4 amici dietro il marchio Vaquera si possono definire dei veri e propri “passionari”. Questo è infatti stato un po’ lo scopo primario: rompere con passione gli schemi culturali statunitensi che vogliono donne omologate, così come nella società totalitaria della serie tv. Il rosso è il colore dominante e non è stato una scelta casuale perché ciascun pezzo doveva rappresentare la violenza, il sesso e l’oppressione. Le ancelle nella serie tv sono come rivoli di sangue che scorrono per la città, ma non come simbolo di morte bensì di vita e cuori pulsanti. Nonostante i maltrattamenti di un manipolo di uomini e donne inaridite, esse si distinguono con prepotenza lanciando un grido silenzioso. Un grido che non sarà solo sotto l’Occhio di tutti, ma prima o poi arriverà forte e chiaro anche all’orecchio.

© Andrew Morales