Categorie: Film & Serie TV

Star Wars VIII – Gli ultimi Jedi, al cinema il fenomeno dell’anno

Star Wars: Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi, uscito nelle sale il 13 dicembre, rappresenta l’evento cinematografico dell’anno. Due anni dopo il primo capitolo della nuova trilogia, gli occhi del mondo del cinema tornano sui nuovi eroi Daisy Ridley, Adam Driver, John Boyega e Oscar Isaac, e i vecchi beniamini della saga con l’atteso ritorno di Mark Hamill nei panni del Jedi Luke Skaywalker.

Star Wars è senza dubbio la saga più famosa del pianeta, capace di incassare più di sette miliardi di dollari. Creata da George Lucas, allora studente di cinema alla University of Southern California, Star Wars ha conquistato intere generazione cresciute nel mito dei Jedi. La sua popolarità è aumentata esponenzialmente negli anni, raggiungendo un seguito che supera di gran lunga quello ottenuto delle altre saghe hollywoodiane quali Il Signore degli Anelli e Harry Potter.

L’importanza del secondo capitolo

Il nuovo capitolo è stato diretto da Rian Johnson giovane regista con alle spalle tre soli film. La Disney gli affiderà anche la regia della quarta trilogia, recentemente annunciata durante la presentazione dei conti trimestrali dell’azienda. Johnson prosegue sulla strada tracciata da J.J. Abrams (che tornerà per dirigere l’ultimo capitolo) di amalgamare il nuovo cast con i membri storici della saga. Il film, girato tra il febbraio e il luglio 2016, si annuncia un successo commerciale. Secondo le proiezioni della Disney, raggiungerà gli oltre due miliardi di dollari incassati dal Risveglio della Forza. E anche i record di Titanic e Avatar tremano.

Gli ultimi Jedi segna un passo fondamentale nella saga ricoprendo il ruolo strategico che fu L’Impero colpisce ancora. Fu secondo capitolo della trilogia originale trentasette anni fa. Il film chiarirà alcuni interrogativi aperti nel Risveglio della forza, preparando il terreno per il capitolo finale. Nel 1980, l’Impero colpisce ancora, fu accolto tiepidamente dalla critica, stroncato per l’incapacità di raccontare una trama convincente e poco coerente con il prequel. Quando tre anni dopo, la saga si concluse con Il ritorno dello Jedi, il film fu rivalutato, diventando una pietra miliare del cinema di fantascienza. Rian Johnson ha chiesto ai fan pazienza, sottolineando che molti misteri saranno chiariti solo nell’ultimo film.

Intanto ci sarà da chiarire il ruolo di Leia Organa nell’Episodio IX. L’attrice Carrie Fischer, interprete del personaggio chiave della saga, è scomparsa lo scorso anno in seguito a un malore. La Fischer ha terminato in tempo le riprese del film, senza dover utilizzare la tecnologia digitale.

La leggenda di Star Wars

Sono passati quarantanni dal debutto cinematografico di Guerre Stellari. George Lucas aveva appena terminato American Graffiti, Harrison Ford era un sex symbol all’inizio di una straordinaria carriera e Daisy Ridley ancora non era nata. La leggenda di Star Wars era solamente al primo capitolo eppure già si intravedeva una storia capace di conquistare milioni di fan. Perché al di là dei Jedi, dei Sith, della Repubblica e del Primo Ordine, Star Wars piace perché racconta l’eterna lotta tra il bene e il male in cui un semplice pilota di Tatooine o una trafficante di rottami, cresciuta a un angolo sperduto della galassia, può essere un eroe.